Esperti in refrigerazione e climatizzazione

Separatore d’olio

Un separatore d’olio è un oggetto a forma di serbatoio o cilindro, con un sistema di schermi all’ingresso e all’uscita che serve a separare l’olio dall’elemento di raffreddamento. Si tratta di un elemento essenziale per la separazione dei residui e per garantire il funzionamento delle varie parti del compressore.

Cos’è e come funziona il separatore d’olio in un ciclo di refrigerazione?

Come già detto, il separatore d’olio è un elemento che ha il compito di “filtrare” o separare il refrigerante dall’olio. Fa parte di un compressore ed è di forma tubolare o cilindrica. Opera in diverse fasi. In primo luogo, il gas surriscaldato e carico di olio lascia il compressore. Infine, raggiunge il separatore d’olio attraverso la linea di scarico. A questo punto, il refrigerante (che è gassoso e surriscaldato) e l’olio si muovono ad alta velocità. Tuttavia, nel caso del gas, si verifica una diminuzione relativa della sua velocità perché il separatore ha una sezione trasversale più piccola rispetto alla cartuccia del separatore.

La miscela olio-gas finisce quindi per passare attraverso una rete all’ingresso, dove parte dell’olio viene separata dal gas refrigerante. Una parte dell’olio è anche in particelle fini, che si combinano in particelle più pesanti. Il gas refrigerante, che a questo punto non contiene quasi più olio, scorre verso il basso e ruota a U intorno a una piastra tampone, dove la forza centrifuga separa l’olio rimanente. Poi, nell’ultima fase, il gas passa attraverso una maglia filtrante in uscita e, quando è privo di tutto l’olio, passa al condensatore, mentre l’olio va sul fondo.

Perché l’olio dovrebbe essere separato dall’acqua nei cicli di refrigerazione?

I separatori d’olio sono componenti estremamente importanti negli impianti a bassa temperatura e di condizionamento. In particolare, sono essenziali per mantenere un livello adeguato di olio nel carter. Oltre a questo, tuttavia, un separatore d’olio può contribuire in modo significativo a prolungare la vita di un compressore, oltre a ridurre l’usura e i danni causati dalla mancanza di lubrificazione.

Va inoltre notato che un eccesso di olio (per quanto piccolo) in un sistema di compressione può avere un effetto negativo sul trasferimento di calore tra le superfici. Quantità eccessive di olio possono causare danni a varie parti del sistema di compressione. Per questo motivo possiamo aggiungere che un separatore d’olio dovrebbe essere utilizzato quando il ritorno dell’olio è inadeguato o se ci sono perdite di efficienza su una qualsiasi delle superfici di trasferimento. Si consiglia inoltre di utilizzare i separatori d’olio negli impianti con refrigeranti misti e con temperature inferiori a -18 °C.

Areacademy, vincitore del premio Iniziativa Industriale dell’Anno da ACR News Awards